In una cascina nel Mantovano

Attila, il maremmano abbandonato in un frigorifero in condizioni di salute critiche

Salvato dai volontari, è stata aperta una raccolta fondi per guarirlo.

Attila, il maremmano abbandonato in un frigorifero in condizioni di salute critiche
Mantova, 25 Giugno 2020 ore 14:27

Il cane era stato abbandonato all’interno di un frigor in una cascina del Mantovano ed è stato recuperato e salvato dall’associazione di Uboldo Una Luce Fuori dal Lager.

Cane abbandonato in un frigor, un salvataggio complicato

Come riporta Prima Saronno, è iniziata stamattina, giovedì 25 giugno 2020 l’operazione di salvataggio di Attila, il pastore maremmano trovato abbandonato all’interno di un frigor in una cascina di Mantova. E’ stato necessario un intervento in forze, con un’ambulanza veterinaria, una squadra di specialisti per anestetizzarlo, un team di veterinari per controllarne le condizioni di salute e un viaggio da Mantova alla provincia di Varese per il ricovero nel rifugio gestito dall’associazione uboldese Una Luce Fuori dal Lager.

Condizioni precarie

E’ proprio l’associazione che riferisce le precarie condizioni di salute in cui è stato trovato Attila:

“Era abbandonato dentro un vecchio frigorifero in una cascina . Lo abbiamo trovato con un occhio compromesso e otite perforante. Il povero cane non riusciva a fare cacca e pipì perchè aveva “rasta” e blocchi di terra e cacca che gli impedivano di fare i suoi bisogni. Non riusciva a camminare e strisciava nel recinto della cascina dov’era stato messo. Riusciti ad avere il nuovo indirizzo siamo immediatamente corsi sul posto. Una verificato lo stato di abbandono ci siamo subito attivati e abbiamo messo in moto la macchina per il sequestro e la liberazione di Attila”.

Questa la sua “cuccia” ricavata in un vecchio frigor:

“Stiamo procedendo in Procura”

L’associazione fa sapere che ora procederà presso la Procura della Repubblica nei confronti dei proprietari del cane.

“Un grazie speciale a tutto il team di persone da noi scelto che ha dimostrato grande professionalità e delicatezza. Grazie alla nostra presidente Cristina Cozzi per aver portato alla liberazione di Attila,  aver cercato e  organizzato tutte le squadre intervenute”.

Per aiutare Attila

Per chi volesse contribuire, l’associazione ha avviato anche una raccolta fondi a sostegno sia dell’operazione, costata circa 1500 euro, sia delle cure necessarie al cane, tramite l’IBAN IT16V0837433260000012450547 e il PayPal di Una Luce Fuori dal Lager.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia