Cronaca
Viadana

Atti intimidatori e minacce ai genitori, 20enne in carcere

A soli 20 anni è stato arrestato per i reati di maltrattamenti in famiglia ed estorsione.

Atti intimidatori e minacce ai genitori, 20enne in carcere
Cronaca Viadana, 07 Novembre 2021 ore 12:04

Nella mattinata i Carabinieri della Stazione di Viadana su delega della Procura della Repubblica di Mantova, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere disposta dal G.I.P. del Tribunale di Mantova nei confronti di un ventenne, B.A., per i reati di maltrattamenti in famiglia ed estorsione.

20enne violento minaccia e aggredisce i genitori

Il giovane, dal dicembre 2020 continuava a minacciare e vessare i genitori con insistenti richieste di denaro, sempre più pressanti e minacciose, tanto da arrivare ad inveire ed intimidire i medesimi in presenza degli stessi Carabinieri, giunti sul posto a seguito di uno degli ennesimi litigi.
Le attività d’indagine, coordinate dal Sostituto Procuratore dalla Procura della Repubblica titolare del fascicolo processuale e condotte dalla Stazione Carabinieri di Viadana, hanno consentito di ricostruire e cristallizzare una situazione di forte tensione e pericolo per le vittime, a causa del comportamento del giovane, il quale, al fine di ottenere denaro non esitava a mettere a soqquadro l’abitazione dei genitori ed a minacciarli.

Una situazione che degenera sempre più

Situazioni acuite durante l’estate scorsa con successive intimidazioni, anche alla presenza dei
militari intervenuti su richiesta delle vittime, cosa che irritava fortemente il ragazzo, il quale
rinfacciava ai genitori di aver avvertito le Forze dell’Ordine.
Raccolti tutti gli elementi e rappresentati all’Autorità Giudiziaria, quest’ultima condivideva le
risultanze investigative, emettendo apposita ordinanza di custodia cautelare verso il giovane, per il quale, in data odierna, si sono aperte le porte della casa circondariale di Mantova, ponendo finalmente fine ad una situazione di forte disagio per la coppia.
Resta alta l’attenzione da parte della Procura della Repubblica virgiliana e dall’Arma di Mantova verso tutti i reati rientranti nel cd “codice rosso”.