Cronaca
Arrestato violentatore

Arrestato 32enne per violenza sessuale: aggrediva le sue vittime vicino alla stazione

Pare che avesse già preso un biglietto aereo per fuggire in India.

Arrestato 32enne per violenza sessuale: aggrediva le sue vittime vicino alla stazione
Cronaca Mantova, 11 Dicembre 2020 ore 11:07

Nella mattinata di ieri, 10 dicembre 2020, è stato rintracciato dagli uomini della Squadra Mobile della Questura di Mantova B.S., 32enne, cittadino indiano, incensurato, bracciante agricolo residente nella Provincia di Mantova, indagato per il reato di violenza sessuale aggravata, commessa in due distinti episodi nei confronti di due donne.

Polizia arresta 32enne per violenza sessuale

Costui, infatti, il 26 ottobre 2020 avrebbe pedinato una donna 33enne dalla Stazione Ferroviaria di Mantova sino ai Giardini Tazio Nuvolari; qui, al momento in cui la giovane vittima faceva ingresso nel sottopassaggio, preso da un
feroce raptus, B. S. l'avrebbe aggredita violentemente tentando di violentarla. La ragazza, una volta ripresasi dallo shock subito, si era recata subito negli Uffici della Questura per presentare denuncia, nel corso della quale aveva descritto minuziosamente quanto accaduto fornendo dettagli precisi sulla persona che le aveva fatto violenza, dettagli che sono poi risultati preziosissimi per riuscire a individuare il presunto responsabile.

L'attività di indagine della Polizia

Grazie, appunto, a queste preziose informazioni e ad una accurata, complessa e delicata indagine effettuata anche con l’ausilio delle telecamere di sorveglianza situate nella zona e con l’effettuazione di specifici riconoscimenti fotografici, gli investigatori della Polizia sono riusciti a individuare in maniera puntuale il responsabile nella persona del 32enne indiano, il quale, seppur a distanza di un mese e mezzo dal fatto, ieri, al momento del rintraccio dopo lunghe ricerche, indossava alcuni degli stessi indumenti che pare avesse addosso al momento della violenza.

L'uomo avrebbe aggredito sessualmente due donne

Condotto negli Uffici della Questura per il compimento degli ulteriori atti di indagine e delle necessarie procedure di Polizia Giudiziaria, a seguito dei successivi accertamenti effettuati a suo carico è stato possibile appurare, grazie alle informazioni raccolte con il consueto scambio di dati con la Procura della Repubblica di Mantova e con i Militari dell’Arma dei Carabinieri, come costui si fosse reso responsabile di un analogo episodio di violenza sessuale commessa nel settembre scorso a Mantova, sempre nei pressi della Stazione Ferroviaria, nei confronti di un donna 51enne, fatto per il quale è in atto un altro Procedimento Penale.

Effettuata perquisizione domiciliare

Gli uomini della Squadra Mobile, pertanto, a seguito di quanto accertato e documentato, hanno deciso di sottoporre il 32enne a perquisizione personale e domiciliare: anche questa iniziativa degli investigatori si è rivelata preziosa, poiché nell’abitazione di B.S. sono stati rinvenuti, sequestrati e messi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria gli altri indumenti con i quali l'uomo aveva aggredito le due vittime, oltre a quelli che indossava al momento del rintraccio.

Stava cercando di fuggire?

Sempre nel corso della perquisizione nell’appartamento p stato anche ritrovato un biglietto aereo di sola andata per l’India: ciò faceva presupporre un imminente e concreto pericolo di fuga a carico di B. S. in quanto, sentendosi in procinto di essere identificato, stava con ogni probabilità programmando di sottrarsi alla Giustizia italiana lasciando definitivamente il nostro Paese.
Per tutti questi motivi, quindi, gli uomini della Squadra Mobile hanno deciso  di disporre nei confronti di B. S. un provvedimento di Fermo di Indiziato di Delitto per i due episodi di violenza sessuale aggravata, a seguito del quale il presunto aggressore è stato immediatamente trasferito alla Casa Circondariale di Mantova.
La Procura della Repubblica di Mantova, subito informata dell’accaduto, è intervenuta immediatamente per le iniziative di competenza della Autorità Giudiziaria, tra le quali gli atti per la convalida del Fermo.
L’Ufficio Immigrazione della Questura, su disposizione del Questore della Provincia di Mantova Paolo Sartori, ha avviato le procedure in modo che, una volta terminato l’iter giudiziario, si possa procedere all’Espulsione di costui ed al suo rimpatrio nel Paese di provenienza.

LEGGI ANCHE:

Spostamenti tra Comuni a Natale, ne discuterà il Senato. Fontana: “Io li ho sollecitati”