Cronaca
l'operazione della gdf

Amministratore di una società in manette per reati tributari, sequestro per oltre 375mila euro

La Guardia di Finanza lo ha denunciato quindi per ipotesi di reati tributari quali omessa dichiarazione, omesso versamento di ritenute dovute o certificate e omesso versamento IVA.

Amministratore di una società in manette per reati tributari, sequestro per oltre 375mila euro
Cronaca Mantova, 20 Marzo 2022 ore 11:48

Sono state eseguite dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Mantova le misure cautelari degli arresti domiciliari e del sequestro preventivo di circa 375.000 euro, misure richieste ed ottenute dalla Procura della Repubblica di Mantova nei confronti di un soggetto ritenuto responsabile secondo gli inquirenti di reati tributari e di reinvestimento dei relativi proventi.

L'operazione della Guardia di Finanza di Mantova

I provvedimenti cautelari scaturiscono all’esito di una articolata attività investigativa svolta dalle Fiamme Gialle mantovane, che aveva preso avvio nel dicembre 2020 avendo rilevato che una società operante sia in provincia di Mantova che in Veneto, nel settore delle lavorazioni meccaniche, risultava non aver presentato, dalla sua costituzione nell’anno 2017, le previste dichiarazioni fiscali ai fini IVA, pur avendo realizzato cessioni imponibili per oltre 7 milioni di euro per anno d’imposta.

Non versava l'Iva riscossa

In particolare, dalle indagini la Guardia di Finanza ha ritenuto che l’indagato, qualificato amministratore di fatto della società da cui hanno preso avvio le investigazioni, era in grado di fornire prestazioni di servizio con lavoratori altamente specializzati a varie imprese del nord est dell’Italia, rendendosi competitivo sul mercato grazie ai mancati versamenti dell’IVA riscossa e delle ritenute fiscali trattenute ai propri lavoratori; in definitiva, sempre secondo l’ipotesi accusatoria, la sua competitività nel mercato scaturiva anche da illeciti risparmi d’imposta conseguiti dai reati tributari.

Denunciato per reati tributari

La Guardia di Finanza lo ha denunciato quindi per ipotesi di reati tributari quali omessa dichiarazione, omesso versamento di ritenute dovute o certificate e omesso versamento IVA e nel febbraio 2021 erano emessi nei suoi confronti i primi provvedimenti di sequestro preventivo finalizzato alla confisca richiesti ed ottenuti dalla Procura di Mantova.

Secondo l’ipotesi accusatoria, l’indagato aveva continuato a commettere condotte illecite utilizzando un’altra società mantovana, sempre amministrata di fatto, dopo il fallimento della precedente società ormai “scoperta”.
Si è ipotizzato inoltre a suo carico che si rendesse anche responsabile del delitto di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte mediante una cessione del ramo d’azienda, costituito dalla forza lavoro, a favore della nuova società e spostando su quest’ultima le commesse già in essere con l’originaria società. Per questo motivo era stato destinatario, sempre nel corso dell’anno 2021, unitamente all’amministratore di diritto nonché socio della nuova società, di un’ulteriore provvedimento di sequestro richiesto ed ottenuto dalla Procura di Mantova ed emesso dal locale Tribunale.

Sequestro per 375mila euro

Nel complesso, l’azione di servizio ha permesso di eseguire, già prima dell’ultimo provvedimento cautelare di € 375.000, sequestri preventivi per oltre 4 milioni di euro, corrispondenti alle imposte evase, eseguiti apprendendo disponibilità finanziarie, autovetture, immobili e orologi di pregio.
L’azione di servizio, coordinata dalla Procura della Repubblica di Mantova, testimonia l’impegno costantemente profuso dalla Guardia di Finanza, quale presidio della sicurezza economico-finanziaria, per la repressione delle frodi fiscali - costituenti un grave pregiudizio allo sviluppo economico del Paese - e la conseguente aggressione dei patrimoni illecitamente accumulati, per restituirli a beneficio della collettività.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter