Addio a Enzo Lotti, l’imprenditore mantovano degli stuzzicadenti Samurai

Si è spento sabato 21 settembre 2019 a Borgo Trento all'età di 87 anni.

Addio a Enzo Lotti, l’imprenditore mantovano degli stuzzicadenti Samurai
Mantova, 23 Settembre 2019 ore 12:58

Enzo Lotti si è spento sabato 21 settembre 2019 a Borgo Trento all’età di 87 anni dopo una breve malattia. L’imprenditore mantovano si è fatto conoscere in tutto il mondo nel corso della sua lunga carriera. Grazie agli stuzzicadenti Samurai prima, e ai cotton fioc poi, ha esportato e prodotto su vasca scala merce che è stata utilizzata in tutto il mondo.

Lotti e la Sis(ma)

Lotti ha il suo nome legato all’azienda Sis, oggi tramutata in Sisma, importante industria dal fatturato di 57 milioni, con il 21% di prodotto esportato e 260 lavoratori dipendenti in atto nei due stabilimenti situati a Valdaro e Villanova De Bellis, in aggiunta a quello di Bollate (Mi), acquistato negli anni ’90 dalla Procter&Camble americana.

La sua attività è iniziata nel secondo dopo guerra, condotta insieme al fratello Giovanni. Insieme i fratelli Lotti nel 1965, dopo l’incontro fortuito con l’imprenditore Tanaca, venditore di betulla giapponese, hanno letteralmente rivoluzionato la loro impresa. Grazie a questa conoscenza i due imprenditori capirono che il legno proposto da Tanaca per le sue caratteristiche e qualità poteva essere il materiale perfetto per buoni stuzzicadenti. E’ così che nascono i famosi stuzzicadenti Samurai “in onore dei guerrieri giapponesi e della tenacia mantovana”.

Addio a Enzo Lotti, l'imprenditore mantovano degli stuzzicadenti Samurai

Non solo stuzzicadenti Samurai

Seppur gli stuzzicadenti Samurai siano il prodotto indubbiamente più famoso e conosciuto venduto dai fratelli Lotti, i due produceva anche cotton fioc e dischetti struccanti Cotoneve, Farmacotone e Logex. La storia vuole che grazie alla produzione di stuzzicadenti l’azienda sia letteralmente decollata tanto da spronare i Lotti a innovarsi e cercare sempre idee nuove per un’azienda in crescita.

Durante un soggiorno negli Usa Lotti si imbatterono nei cotton fioc americani, decidendo di esportare l’idea dei bastoncini per l’igiene dell’orecchio anche in Italia, producendoli e chiamandoli Cotoneve.
Infine, l’ultima geniale intuizione ha portato i fratelli Lotti negli anni ’90, in seguito all’acquisizione dello stabilimento di Bollate, a produrre dischetti struccanti con una tecnologia grazie alla quale risultavano essere più igienici e resistenti.

La famiglia Lotti

L’imprenditore mantovano lascia, dopo una breve malattia che lo ha portato alla morte sabato scorso, la moglie Bruna e i figli Alessandro, Mariella e Isabella. Il fratello Giovanni è invece morto nel marzo del 2015, colto dallo stesso destino di Enzo.

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia