codice rosso

20enne segregata in casa dai genitori che vogliono riportarla in Tunisia salvata grazie a un'amica

I genitori erano già stati denunciati per maltrattamenti in famiglia da un'altra figlia minorenne.

20enne segregata in casa dai genitori che vogliono riportarla in Tunisia salvata grazie a un'amica
Cronaca Mantova, 08 Luglio 2021 ore 14:38

Nella mattinata di ieri, 7 luglio 2021,  gli Agenti della Squadra “Volante”, su disposizione della Centrale Operativa della Questura, sono intervenuti d’urgenza in un Quartiere del Capoluogo in quanto una donna aveva chiamato il numero di emergenza per denunciare il fatto che una sua amica, una giovane ragazza di origini tunisine, le aveva chiesto aiuto in quanto tenuta segregata dai familiari all’interno della loro abitazione.

Segregata dai familiari, 20enne soccorsa dalla Polizia

Giunti immediatamente sul posto i poliziotti sono stati accolti con sorpresa dai familiari della giovane; costoro, infatti, hanno inizialmente dichiarato di non riuscire a spiegarsi per quale motivo stessero effettuando l’intervento.

Gli Agenti hanno deciso così di avvicinare e colloquiare separatamente con la presunta vittima, che al momento del loro arrivo si era appartata da sola sul balcone di casa. Apparsa sin da subito impaurita, la ragazza ha riferito di volersi allontanare immediatamente dai genitori e dai fratelli, dicendosi terrorizzata dal fatto che i suoi familiari volevano riportarla contro la sua volontà nel Paese di origine.

Gli Agenti sono riusciti a trarla in salvo

Valutata la situazione, gli Agenti della Volante decidevano, pertanto, con il pretesto di un controllo, di accompagnare da sola la giovane – una ragazza tunisina di 20 – negli Uffici della Questura in Piazza Sordello, nonostante i tentavi dei familiari di evitare la cosa, ovvero di accompagnarla ed assistere alle sue dichiarazioni.

Una volta giunta in Questura, la ragazza, dopo essersi tranquillizzata, e senza l’influenza dei congiunti, è stata in grado di riferire ai poliziotti della Squadra Mobile, specializzati in questo tipo situazioni assai delicate, di avere da tempo un rapporto conflittuale con il padre e, quindi, di volersi allontanare dall’abitazione nella quale convive stabilmente con i genitori ed i fratelli.

Per contro il padre della 20enne – già denunciato in passato assieme alla moglie per maltrattamenti in famiglia da un'altra figlia minorenne, che in quella occasione era stata collocata in una struttura protetta – ha confermato ai poliziotti il rapporto conflittuale con la figlia, dichiarando però di non aver mai posto limiti alla libertà personale quest’ultima, pur riferendo agli Agenti della sua intenzione di acquistare i biglietti aerei per recarsi nel Paese di origine con tutta la famiglia, figlia compresa.

Al termine della ricostruzione dei fatti, ora al vaglio degli investigatori della Squadra Mobile, la giovane donna – alla quale sono stati restituiti Passaporto e Permesso di Soggiorno, trattenuti dai genitori – è stata collocata in casa di alcune amiche in attesa di ulteriori accertamenti ed indagini in merito alle circostanze che hanno attinenza alla vicenda denunciata.

Avviata la procedura per un codice rosso

A tal proposito, gli Agenti della Squadra Volante hanno provveduto a denunciare l’accaduto alla Procura della Repubblica; il Questore della Provincia di Mantova Paolo Sartori, inoltre, ha disposto che la Divisione Anticrimine dia inizio al procedimento amministrativo finalizzato alla emissione di una Misura di Sicurezza Personale nei confronti dei genitori della giovane, anche alla luce dello specifico
precedente per maltrattamenti in famiglia sopra menzionato, tipico reato da “Codice Rosso”.