Attualità
6 casi in provincia

Vaccino contro il Vaiolo delle Scimmie, al via le prenotazioni in provincia di Mantova

Le dosi assegnate ad ASST Mantova permettono ai professionisti di vaccinare circa 100 persone.

Vaccino contro il Vaiolo delle Scimmie, al via le prenotazioni in provincia di Mantova
Attualità Mantova, 31 Agosto 2022 ore 17:51

Vaiolo delle scimmie, da domani 1 settembre 2022 sarà possibile prenotare un appuntamento per la vaccinazione anche nel territorio di Ats Val Padana e in provincia di Mantova.

Vaiolo Scimmie, vaccinazioni anche a Mantova

Dal primo settembre sarà possibile prenotare un appuntamento per la vaccinazione contro il vaiolo delle scimmie anche nel territorio di ATS della Val Padana e più precisamente presso l’ASST di Mantova. Il vaccino Jynneos (Bavarian Nordic) è distribuito in Italia dal Ministero della Salute a seguito dell’approvazione da parte dell’Agenzia Europea del Farmaco (EMA).

Le dosi assegnate ad ASST Mantova permettono ai professionisti di vaccinare circa 100 persone. La vaccinazione avverrà in via dei Toscani a Mantova.

Due dosi

Il ciclo vaccinale prevede due dosi a distanza di almeno 28 giorni. Le persone che hanno già effettuato in passato almeno una dose di vaccino contro il vaiolo dovranno ricevere una sola dose.

L’offerta è prioritariamente indirizzata a persone con comportamenti sessuali a rischio o non protetti.

Chi ha già ricevuto la prima dose di vaccino JYNNEOS all’estero potrà prenotarsi nei Centri territoriali di riferimento per concludere il ciclo vaccinale. In questo caso, il giorno della prenotazione, è importante portare con sé il certificato relativo alla prima dose.

Come prenotare

La prenotazione, dalle ore 12 del 1° settembre 2022, avviene tramite il portale regionale Prenotasalute al seguente link prenotasalute.regione.lombardia.it

11 casi in ATS Val Padana

Ricordiamo che dall’inizio di maggio sono state segnalate in Europa alcune centinaia di casi di vaiolo delle scimmie. In ATS Val Padana sono stati ad oggi confermati 11 casi (di cui 6 in provincia di Mantova). In base alle evidenze riportate la probabilità di diffusione del virus è più alta in casi di rapporti sessuali con più partner, ricordando che l’utilizzo del preservativo non garantisce una protezione dall’infezione. I sintomi più comuni sono febbre, dolori muscolari, cefalea, rigonfiamento dei linfonodi, stanchezza e manifestazioni cutanee come vescicole, pustole o piccole croste.

Generalmente la malattia si risolve spontaneamente in 2 o 4 settimane.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter