Attualità
Asst mantova

Tumori dell’utero: nuova tecnica chirurgica di precisione

Grazie a questa nuova tecnica viene introdotta una nuova metodica con tempi di degenza più brevi e riduzione delle complicanze post chirurgiche.

Tumori dell’utero: nuova tecnica chirurgica di precisione
Attualità Mantova, 17 Gennaio 2022 ore 11:54

Chirurgia di precisione, introdotta una nuova metodica con tempi di degenza più brevi e riduzione delle complicanze post chirurgiche.

Tumori dell’utero: tecnica dei linfonodi sentinella

Una chirurgia sempre più mirata e mini-invasiva per la cura dei tumori dell’utero. Dal mese in corso, all’ospedale di Mantova, è stata introdotta la tecnica del ‘linfonodo sentinella’ anche in questo ambito. L’azienda ha messo a disposizione macchinari di ultima generazione e i professionisti della struttura di Ostetricia e Ginecologia, diretta da Paolo Zampriolo, hanno già trattato i primi casi con successo e notevole soddisfazione. Sono attesi una ulteriore riduzione delle già rare complicanze post-chirurgiche e tempi di degenza più brevi rispetto agli interventi tradizionali.

Il tumore ginecologico più comune

Il carcinoma endometriale è il più comune tumore ginecologico in Europa. La sua incidenza è in crescita per l’aumento dell’età media e dei fattori di rischio come l’obesità. Il sintomo guida è il sanguinamento genitale in menopausa o la comparsa di mestruazioni abbondanti in peri- menopausa.
Una piccola parte di questi sintomi possono essere causati da questi tumori. Fortunatamente la maggior parte delle malattie in questione viene diagnosticata in uno stadio iniziale e ancora confinata all’utero, spesso con una ottima sopravvivenza. Solo nel 10-15 per cento dei casi alla diagnosi si riscontra già una metastasi nei linfonodi. Lo stato dei linfonodi è quindi il più importante fattore predittivo di sopravvivenza.
Fino a oggi la maggioranza di queste pazienti venivano sottoposte a interventi anche molto estesi. Oltre alla rimozione di utero e ovaie si rendeva spesso necessario procedere all’asportazione di tutti i linfonodi pelvici e addominali solo per valutare lo stato linfonodale. Dal 2021 le linee guida internazionali hanno stabilito che è possibile, anche nei tumori uterini, offrire un approccio molto più conservativo e di pari efficacia, andando ad asportare i soli linfonodi ‘sentinella’, i primi ‘filtri’ che possono essere interessati dalla diffusione della malattia, evitando interventi più invasivi.

I progressi nell’ambito della chirurgia mini-invasiva e di particolari tecniche basate su coloranti fluorescenti rendono oggi possibile, in centri di riferimento, una chirurgia molto più mirata e rispettosa della donna. ASST Mantova mette a disposizione personale adeguatamente addestrato che da anni si occupa della diagnosi e cura dei tumori della sfera genitale femminile.
In questi anni è stato infatti sviluppato a Mantova e provincia un importante percorso di diagnosi e cura dei tumori della sfera genitale femminile. Responsabile del percorso il ginecologo Luca Orazi – direttore facente funzione della struttura di Ostetricia e Ginecologia di Pieve di Coriano – che svolge questa attività insieme alle colleghe Greta Cherubini e Giulia Bonelli. Un modello multidisciplinare che vede la collaborazione tra numerosi specialisti e viene continuamente aggiornato per assicurare il massimo livello di cura.

Un importante confronto

Un contributo fondamentale nella metodica del linfonodo sentinella è dato dai colleghi della struttura di Anatomia Patologica, diretta da Rosa Rinaldi, in particolare da Ester Scillitani, che effettuano la diagnosi istopatologica utilizzando una innovativa tecnica di ultrastaging immunoistochimico secondo le più recenti linee guida. Fiori all’occhiello del percorso: la diagnosi e cura dei temibili tumori dell’ovaio; il percorso di presa in carico delle persone con mutazioni genetiche a rischio di tumori eredo-familiari (in
collaborazione con il Centro di Genetica Oncologica e la Senologia); il percorso di chirurgia a tutela della fertilità, dedicato alle pazienti giovani che alle quali si offre la possibilità di guarigione e di diventare madri.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter