Attualità
L'OPERAZIONE DELLA GDF

Sequestri per oltre 5 milioni di euro dalle Fiamme gialle mantovane per evasione e riciclaggio

L’attività è scaturita dall’analisi di alcune segnalazioni di operazioni sospette, nelle quali venivano evidenziate movimentazioni finanziarie anomale.

Sequestri per oltre 5 milioni di euro dalle Fiamme gialle mantovane per evasione e riciclaggio
Attualità Mantova, 23 Settembre 2021 ore 11:35

Evasione e riciclaggio: la Guardia di Finanza di Mantova ha sequestrato beni e disponibilità finanziarie per oltre 5,3 milioni di euro.

L'operazione della Guardia di finanza di Mantova

I finanzieri del Gruppo della Guardia di Finanza di Mantova hanno eseguito un provvedimento di sequestro preventivo in materia di reati tributari e di riciclaggio, ai sensi degli artt. 12 bis del D.Lgs 74/2000 e 648 quater del codice penale, per un importo di oltre 5,3 milioni di euro.
Si tratta di un provvedimento richiesto dalla Procura della Repubblica di Mantova ed emesso dal Giudice per le indagini Preliminari nei confronti di una impresa individuale, operante nella Provincia, attiva nella vendita,
installazione e riparazione di climatizzatori e caldaie.
In particolare, l’attività è scaturita dall’analisi di alcune segnalazioni di operazioni sospette, nelle quali venivano evidenziate una serie di movimentazioni finanziarie anomale sui conti correnti intestati a diversi soggetti che risultavano beneficiari di bonifici disposti da una impresa mantovana. Tale circostanza ha portato all’approfondimento di un vasto ed articolato insieme di operazioni finanziarie, da subito apparse come incongrue e non giustificate rispetto al profilo ed alla condizione economica dei vari soggetti segnalati, facendo ritenere agli operanti che tali proventi potessero derivare da una corrispondente evasione fiscale.

Le indagini, dunque, sono consistite in accertamenti di polizia valutaria sui conti correnti intestati ai soggetti coinvolti e nell’esecuzione di accertamenti di polizia tributaria, consistiti in una verifica fiscale nei confronti dell’impresa in trattazione.

La verifica fiscale ha subito confermato i sospetti di evasione

L’esito della verifica fiscale ha confermato l’ipotesi relativa alla condotta evasiva perpetrata dal titolare dell’impresa individuale. In particolare, è emerso che, in relazione ai periodi d’imposta 2015, 2016 e 2017, il medesimo aveva omesso di indicare nelle dichiarazioni dei redditi una parte consistente di elementi positivi, pari a circa €4.500.000, dichiarando, inoltre, costi derivanti da una fattura relativa ad operazioni inesistenti per un imponibile di € 365.000, oltre ad altri costi indeducibili, per un totale di circa € 4.000.000, senza versare all’Erario l’Iva dovuta pari a circa € 1.850.000.
All’esito di tale attività, il titolare della ditta è stato denunciato alla locale autorità giudiziaria per i reati di cui agli artt. 2 (Dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti) e 4 (Dichiarazione infedele) del D.Lgs. n. 74 del 2000.

Riciclaggio, denaro di provenienza illecita e trasferimento fraudolendo di valori

Tali condotte, rilevanti sotto il profilo penale-tributario, hanno costituito il presupposto dei reati di riciclaggio, impiego di denaro di provenienza illecita e trasferimento fraudolento di valori che sono stati conseguentemente ipotizzati, a vario titolo, nei confronti di 10 soggetti che si ritiene si siano intromessi nel sistema di “ripulitura” del denaro frutto di evasione fiscale.

Nello specifico - attraverso una complessa e articolata ricostruzione dei flussi finanziari riconducibili a soggetti sostanzialmente legati da vincolo di parentela al titolare dell’impresa - è stato rilevato un vorticoso trasferimento di somme di denaro attraverso molteplici conti correnti, che si ritiene sia stato realizzato al fine di impedire l’identificazione della provenienza delittuosa del denaro.

Sequestro preventivo di oltre 5 milioni

Il GIP, ritenendo sussistente il fumus dei reati tributari e di "ripulitura" contestati, ha emesso nei confronti degli indagati un provvedimento di sequestro preventivo ai fini della successiva confisca ex art. 12-bis D.Lgs.74/2000 ed art. 648-quater c.p. fino alla concorrenza di circa € 5.360.000. L’attuazione del citato provvedimento, anche mediante l’esecuzione di numerose perquisizioni locali, ha portato al sequestro di disponibilità finanziarie, beni mobili ed immobili e quote societarie per un valore complessivo di oltre 1 milione di euro.

L’attività eseguita dalle Fiamme Gialle virgiliane, coordinata dalla locale Procura della Repubblica, conferma, ancora una volta, l’importanza delle attività a contrasto di tutte le forme di criminalità economico-finanziaria
che consentono l’illecita sottrazione di risorse al Paese ed alla collettività.

Il risultato ottenuto è il frutto di una costante e proficua interazione tra la Guardia di Finanza e la Procura della Repubblica che, attraverso il vincolo cautelare, riesce ad assicurare la definitiva apprensione del profitto del reato che avverrà con l’eventuale condanna e confisca.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter