Attualità
sanità mantovana

La Dottoressa Maria Giorgetti è il nuovo direttore medico del Poma

Il medico ha già dichiarato che serve ripartire con le attività non Covid.

La Dottoressa Maria Giorgetti è il nuovo direttore medico del Poma
Attualità Mantova, 17 Settembre 2021 ore 10:21

Maria Giorgetti, in arrivo dall’Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara: “Per la ripartenza serve un’organizzazione flessibile”.

Nuovo direttore medico al Poma: è Maria Giorgetti

È Maria Giorgetti il nuovo direttore medico del presidio ospedaliero di Mantova. La professionista, che si è insediata questa settimana, subentra ad Alberto Rigo, nominato a giugno direttore sanitario dell’Ulss 5 Polesana. L’ASST dà il benvenuto al direttore entrante, in arrivo dall’Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara, dove ha prestato servizio dal 2000.

“Sono molto contenta di essere qui – commenta la Giorgetti – lieta dell’accoglienza e della professionalità che ho trovato. Metto a disposizione di ASST le mie competenze e mi predispongo a imparare un sapere che viene da una realtà diversa, sia come tipologia di azienda che come regione”.

Chi è Maria Giorgetti

Originaria di Cesena, 59 anni, è stata responsabile unico dell’accesso ricoveri chirurgici programmati dal 2018 a oggi. Precedentemente, dal 2007, ha ricoperto l’incarico di referente dei processi di riorganizzazione dipartimentali. Ha avuto un ruolo centrale nella progettazione e realizzazione del trasloco dell’ospedale di Ferrara, avvenuto a partire dal 2012, durante il terremoto che aveva colpito il territorio emiliano. Prima del 2000, ha svolto la sua attività di ginecologo e medico di medicina generale.

Necessario ripartire con le attività non Covid

Laurea a Ferrara nel 1990, specialità nello stesso ateneo in Ginecologia, nel 1995, e in Igiene, nel 2000, il medico approda al Carlo Poma in un momento delicato e complesso:

“Dobbiamo ripartire con le attività non Covid e contemporaneamente continuare a occuparci della pandemia, che impegna ancora risorse, trovando il giusto equilibrio. Per la ripresa serve estrema flessibilità”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter