E domani è San Valentino!

Innamorarsi sul lavoro, la storia di due portalettere di Castiglione delle Stiviere

Il racconto di Maria Grazia Terrizzi e Giuseppe Melillo

Innamorarsi sul lavoro, la storia di due portalettere di Castiglione delle Stiviere
Pubblicato:
Aggiornato:

Domani, mercoledì 14 febbraio 2024, è San Valentino, la celebre festa degli innamorati. Per l'occasione, Poste Italiane ha voluto raccontare la storia di Maria Grazia e Giuseppe, portalettere di Castiglione delle Stiviere che si sono innamorati proprio sul posto di lavoro.

Innamorarsi sul lavoro, la storia di due portalettere di Castiglione

Nei sei centri di distribuzione che servono i comuni mantovani ci sono circa 240 portalettere in servizio. Tra loro troviamo anche Maria Grazia Terrizzi e Giuseppe Melillo, di 41 e 38 anni, portalettere di Castiglione delle Stiviere il cui amore è sbocciato sul lavoro.

Giuseppe, originario di un paese in provincia di Foggia è perito elettronico e si è trasferito in provincia di Mantova per lavoro, mentre Maria Grazia è laureata in economia del turismo. Ma a Castiglione delle Stiviere è nato il loro amore: i due portalettere stanno insieme dal 2021 e ora hanno un bimbo di 16 mesi, insieme a una bella famiglia allargata composta da altri quattro figli che hanno 19, 14, 9 e 7 anni.

“Poste fa da sfondo alla nostra storia – racconta Giuseppe – inizialmente eravamo amici e parlavamo molto assieme soprattutto del periodo che stavamo passando a livello familiare. Per un po' di tempo abbiamo lavorato in Centri di Distribuzione diversi per poi ritrovarci a Castiglione delle Stiviere”.

A far innamorare Giuseppe non è stato solo il carattere di Maria Grazia che definisce un “uragano positivo”, ma anche la sua indipendenza e autonomia.

“Lavorare nello stesso posto è un vantaggio, arriviamo insieme e torniamo insieme e nel tragitto riusciamo a ritagliarci un po' di tempo per parlare – racconta Maria Grazia – Come coppia il nostro punto di forza è essere molto complici; tra noi non c’è bisogno di parlare ma basta uno sguardo per capirci. Abbiamo caratteri diversi ma ci compensiamo. Giuseppe è un gran lavoratore e non si tira mai indietro soprattutto nell’aiutare i colleghi”.

Sono stati oltre 300 i nuovi portalettere inseriti alla fine del 2023 in Lombardia e 2.100 in tutta Italia. Il programma di politiche attive, concordato con le Organizzazioni Sindacali, contribuisce a realizzare in modo efficace le strategie delineate nel piano industriale “2024 Sustain & Innovate”, in particolare per quanto riguarda la nuova organizzazione del recapito che vede la trasformazione della figura del portalettere sempre più incentrata sul crescente mercato dei pacchi.

Prosegue dunque anche attraverso queste assunzioni, l’impegno di Poste Italiane nel creare nuove opportunità di lavoro e a garantire una presenza costante e qualificata sul territorio, dimostrando concretamente la propria vicinanza alle comunità, al territorio e alle esigenze di tutti i cittadini.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali