concerto in sicurezza

In 700 all'arena Bike-In per ascoltare Frah Quintale: tutti con Green pass (e senza polemiche)

Solo una cinquantina di ragazzi ne erano sprovvisti ma hanno effettuato il tampone prima di entrare senza lamentele.

Attualità Mantova, 10 Agosto 2021 ore 10:42

Domenica 8 agosto 2021 sera erano in 700 in Arena Bike-In ad assistere al concerto di Frah Quintale, atteso da tempi immemori nell'era del Covid. Erano praticamente tutti ragazzi, la maggior parte molto giovani, contenti di poter tornare ad ascoltare musica dal vivo dolo oltre un anno di stop. Ed erano contenti di poterlo fare in sicurezza, con tanto di green pass alla mano.

(In copertina immagine tratta da Instagram, fondazioneartioli)

700 persone, nessuna lamentela

Dei 700 presenti quasi tutti erano muniti di green pass, entrato in vigore due giorni prima: chi non lo aveva (circa una cinquantina di persone) ha effettuato il tampone rapido direttamente all'arena, senza pagare nulla, e senza alcuna lamentela.

700 giovani dopo un anno si sono goduti un concerto in pace e sicurezza, senza no vax a suggerire loro che si trovano in una dittatura sanitaria. Perchè grazie al vaccino e grazie al Green pass hanno potuto ascoltare Frah Quintale senza l'ansia si potersi ammalare e, a loro volta, contagiare.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Fondazione Artioli (@fondazioneartioli)

Soddisfazione del sindaco Palazzi

Ieri sera tutto esaurito all’arena Bike-In per il concerto di Frah Quintale. Oltre 700 giovani e giovanissimi.
Nessuno si è lamentato per l’obbligo di esibire il green pass. Lo avevano praticamente tutti.
Chi ne era sprovvisto, una cinquanta di ragazzi, hanno fatto il tampone all’arena stessa, senza mezza discussione.
In tantissimi hanno ringraziato per l’organizzazione e la sicurezza garantita in ogni servizio, dal distanziamento fisso delle sedute, alla presenza di tutti i dispositivi di sanificazione.
Cosa c’è di così difficile? Nulla.
Vacciniamoci, vacciniamoci, vacciniamoci
Ps. Grazie ai giovani volontari e agli operatori che hanno gestito ogni attività, ogni sera, per consentire a migliaia di Mantovani e non di tornare ai concerti in piena sicurezza.